Scherma: U.20. Grande Italia con Serena Rossini e Matteo Neri

Un sabato azzurro nel panorama under20 della scherma mondiale. Ad Udine, dove si sono svolte le gare di fioretto, vince Serena Rossini, mentre a Budapest, dove e’ stata protagonista la sciabola, l’inno di Mameli risuona per merito di Matteo Neri. Sulle pedane friulane, dodici mesi dopo, Serena Rossini si ripete e torna sul primo gradino del podio al termine della gara di fioretto femminile della tappa italiana del circuito di Coppa del Mondo under20. La fiorettista marchigiana delle Fiamme Gialle proprio a Udine, il 6 gennaio dello scorso anno, aveva ottenuto la sua ultima vittoria in Coppa del Mondo Giovani. A distanza di un anno, nella gara di casa, torna a brillare il suo talento. Ma Serena Rossini e’ solo la punta di diamante di una giornata a tinte azzurre. Nella gara di fioretto femminile, infatti, sul podio sale anche Arianna Pappone, che conquista il terzo gradino del podio. La finale della prova riservata alla fiorettiste ha visto l’azzurra superare per 15-6 la russa Elena Petrova che, in semifinale, aveva sconfitto 15-10 proprio Arianna Pappone. Serena Rossini, dal canto suo, in semifinale aveva avuto ragione di Amita Berthier, portacolori di Singapore, col punteggio di 15-10, dando continuita’ alle vittorie di giornate, tra cui quella ai quarti contro la quotata russa Anastasia Semenova col punteggio di 15-8.

Si ferma ai quarti di finale invece Giulia Amore, perche’ superata per 10-9 nel derby azzurro da Arianna Pappone. Nel fioretto maschile, l’Italia sale sul podio grazie a Pietro Velluti che conquista la terza piazza del podio finale. A vincere e’ il russo Bogdan Barmakov che si impone per 15-11 sull’egiziano Mohamed Hamza. Quest’ultimo, che gia’ lo scorso anno ad Udine si era messo in luce, ha fermato in semifinale Pietro Velluti col punteggio di 15-13. Rimane ai piedi del podio invece Alessio Di Tommaso, stoppato ai quarti di finale dal francese Rafael Savin per 15-10. Matteo Neri cala invece il tris a Budapest. Lo sciabolatore azzurro conquista per il terzo anno di fila la tappa ungherese del circuito di Coppa del Mondo under20 di sciabola maschile, grazie ad una prestazione eccellente. Matteo Neri, dopo i successi nel 2017 e nel 2018, si conferma dominatore della tappa magiara e sale sul gradino piu’ alto di un podio che vede anche la presenza, sulla terza piazza, dell’altro azzurro Lorenzo Roma, uno degli atleti piu’ costanti in questa stagione nel circuito under20.

Per il carabiniere bolognese il successo finale e’ arrivato alla stoccata del 15-9 contro il russo Vladislav Pozdniakov, che ha fatto seguito alla vittoria in semifinale nel derby contro Lorenzo Roma col punteggio di 15-11. Ai quarti di finale, invece, Matteo Neri aveva vinto per 15-9 il match contro il britannico Ian Ren, mentre Lorenzo Roma si era aggiudicato l’assalto contro il francese Aime Hustache per 15-8. Rimangono ai piedi del podio invece sia Matteo Cederle che Luca Fioretto, rispettivamente sconfitti ai quarti di finale dal francese Jules Geraud per 15-11 e dal russo Pozdniakov per 15-5. Nella gara femminile, stop ai quarti di finale per Benedetta Taricco. La sciabolatrice romana esce infatti sconfitta ai quarti di finale dal match contro la portacolori di casa, Liza Pusztai, poi vincitrice finale della gara, col punteggio di 15-12. (Italpress).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.