Renzi: “Governo Pd con M5s sarebbe stata una follia”

Nel libro di Vespa, Renzi ricostruisce anche il fallimento della trattativa con il Movimento 5 Stelle per la partecipazione del Pd al governo. “Quando la mattina del 5 marzo mi chiamo’ Franceschini per dirmi in modo sbrigativo che dovevo andarmene, capii che c’era una parte del Pd che fin dalla notte elettorale immaginava che noi dovessimo metterci d’accordo con i 5 stelle. C’era un’ala della vecchia sinistra democristiana che si poneva di romanizzare i barbari”. Ricordando i suoi incontri con gli emissari del movimento, Renzi dice a Vespa: “Avemmo un dialogo molto civile. Volevano un accordo che partisse da Di Maio premier. Non mettevano veti, anzi si auguravano che portassi la mia esperienza in Italia o all’estero. Manco morto, risposi, io non ci sono, noi non ci siamo”. “Appena vidi che si stava stabilendo una intesa tra Martina e Fico – ricorda Renzi nel libro di Vespa – mi accorsi che si era creato un sistema. La strategia era molto chiara: mettevano la pallina dell’accordo su un piano inclinato, non rendendosi conto che nella base del Pd nessuno voleva l’accordo e speravano che fosse troppo tardi per dire no. Questa scelta sarebbe stata una follia e l’ufficializzazione del bipolarismo populista: Lega contro 5 Stelle e noi a fare i portatori d’acqua. Eravamo una diga contro il populismo e questa diga e’ stata corrosa all’interno prima di essere distrutta da fuori. Il fuoco amico piu’ che 5 stelle ha sconfitto il Pd chi mi ha fatto la guerra sono stati i miei, sempre. Di Maio e Salvini hanno potuto muoversi in totale liberta’ e autonomia. Io non ho ricevuto alcun sostegno. E’ una cosa sconvolgente”. (Italpress).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.