Suzuki sponsor della Japan Week di Torino

Suzuki sarà sponsor della 43a Edizione della Japan Week, in programma a Torino dal 19 al 25 ottobre prossimi. L’International Friendship Foundation/IFF, fondazione senza scopo di lucro con sede a Tokyo, ha scelto Torino per celebrare l’evento internazionale che si svolge ogni anno in una città differente con lo scopo di promuovere, attraverso lo scambio artistico, relazioni amichevoli, comprensione reciproca e pace. Con il suo sostegno, la Casa di Hamamatsu, farà idealmente da ponte tra il Sol Levante e il Piemonte, dove la sua filiale italiana ha da tempo stabilito la sua sede. La Japan Week ha un programma denso di appuntamenti, che darà ai torinesi e ai visitatori della città l’eccezionale opportunità di entrare in contatto con l’arte e la cultura tradizionale giapponese. La manifestazione si sviluppa in numerosi eventi, con il coinvolgimento di circa 60 gruppi attivi in svariati ambiti, dalla danza alla musica, passando per l’ikebana, l’origami o l’affascinante mondo dei kimono.

La settimana dedicata al Sol Levante prenderà il via il 19 ottobre in piazza Castello alle ore 16. Dopo la cerimonia di apertura, cui presenzieranno varie autorità torinesi e giapponesi, si entrerà subito nel vivo del programma con spettacoli di calligrafia, danze ed esibizioni di percussionisti e di samurai. Nella suggestiva cornice di Piazza Castello, Suzuki ribadirà il proprio legame con la manifestazione attraverso l’esposizione di Jimny, Vitara e Ignis in un’area riservata posizionata di fronte al Teatro Regio. Nel prosieguo della Japan Week, il MAO, Museo di Arte Orientale, ospiterà workshop e dimostrazioni, mentre al Teatro Piccolo Regio Puccini si terranno gli spettacoli e i concerti. Nella suggestiva cornice della Sala delle Guardie di Palazzo Madama sarà invece inscenata più volte la tradizionale cerimonia del tè. Tra le esibizioni conclusive, in programma la sera del 25 ottobre al Piccolo Regio Puccini, spicca anche un concerto di musicisti giapponesi e torinesi, simbolo dell’unione tra due culture diverse. (Italpress).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.