F.1: Gp Giappone. Vettel “Suzuka pista preferita, obiettivo vincere”

“In una settimana può succedere di tutto, si possono fare varie cose, è un circuito che ci vede un po’ più favoriti e speriamo di fare meglio rispetto alla Russia, stiamo cercando di settare la macchina al meglio per tenere il ritmo e avvicinarci alle Mercedes”. Cosi’ Sebastian Vettel nella conferenza stampa che precede il weekend del Gran Premio del Giappone. Il pilota della Ferrari sa che il Mondiale sta sfuggendo di mano, ma la matematica lascia ancora qualche speranza e il tedesco vuole provarci fino in fondo, anche se il tempo stringe. “Non mi piace l’approccio adesso o mai più, ci sono ancora 5 gare, il segreto e’ cercare di attaccare e cercare di arrivare primi, come ho detto questa pista mi piace, e’ la mia preferita, mi diverto e non voglio fare certe congetture su di me e sul team, voglio solo cercare di guidare al meglio”, ha spiegato Vettel che crede nel lavoro del team e ribadisce. “Ho detto più volte che abbiamo una macchina molto forte e robusta, magari si può pensare che non sia al meglio, ma non e’ cosi’. Non siamo riusciti a stare davanti nelle qualifiche, ma in gara siamo sempre stati vicini alle Mercedes, anche se in alcune gare non abbiamo avuto il ritmo che volevamo”.
“Ci siamo sempre difesi e abbiamo sempre duellato con le Mercedes – ha proseguito Vettel -, qui più o meno sarà lo stesso, speriamo di fare bene nelle qualifiche per poi giocarcela meglio in gara, perché quanso sei dietro e provi a superare le gomme ne risentono, ma qui a Suzuka abbiamo buone chance”. La sfida con Hamilton è sempre avvincente, un duello che dura da anni e che continuerà anche a Suzuka. “Quando ci sfidiamo nel tracciato e proviamo a superarci è sempre divertente, lui in Russia si e’ divertito di più perché mi ha infilato nella curva 4, e’ difficile stare sempre ruota a ruota, ma in una gara del genere ci si diverte di più. Avrei voluto stargli attaccato anche negli ultimi giri, ma non ho avuto la possibilità di farlo”. Si è parlato molto delle strategie di team, degli ordini di scuderia, per Vettel non si può paragonare quanto accaduto durante il Gp d’Italia con Sochi: “Non direi che eravamno nella stessa posizione della Mercedes, non sono due gare simili, poi è comunque una questione di team”. Il Mondiale sta per finire, si pensa già al prossimo in termini di strategie. “Abbiamo fatto progressi, c’è ancora tanto lavoro da fare, altre scuderie hanno fatto progressi più grandi e altre meno, abbiamo detto agli ingegneri cosa vogliamo raggiungere, che tipo di vettura vogliamo, le performance possono essere sempre migliorate”. Le condizioni meteo non preoccupano Vettel. “Anche se dovesse piovere con il circuito bagnato faremo il possibile, ma non e’ un pensiero che mi turba”. Tornando a Suzuka, Vettel dice: “penso che dovremo trovare una strategia diversa e non tirare al massimo in questi rettilinei. Come ho detto è la mia pista preferita, le sensazioni che hai qui per quanto mi riguarda sono le migliori della stagione, è un circuito che ti galvanizza, è molto caratteristico, mi piaceva la pista di prima e anche quella di oggi, è una pista iconica, forse non è cosi’ difficile e tecnica come prima, ma rimane una grandissima pista”. Ultime battute sulle qualifiche e sulla possibilità che il regolamento cambi. “Credo che ci si diverta abbastanza, io preferivo quando prima si poteva fare tutto come si voleva, le qualifiche per alcuni piloti sono ancora più divertenti della gara, io forse preferivo quando eri libero di gestirle come volevi, ma non penso che ci saranno cambiamenti”.
(Italpress).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.