Coldiretti, addio a quinta estate più calda dal 1800

Arriva l’autunno dopo un’estate che si e’ classificata in Italia, dal punto di vista climatologico, al quinto tra le piu’ calde dal 1800 con temperature di ben 1,74 gradi superiori alla media storica. E’ quanto emerge dalle elaborazioni Coldiretti sulla base dei dati Isac Cnr dai quali si evidenzia che si e’ trattato di una estate pazza in cui sono cadute il 56% di precipitazioni in piu’ rispetto alla media. L’autunno 2018 – sottolinea la Coldiretti – avra’ inizio il 23 settembre con l’equinozio di settembre: alle ore 3:54 italiane quando i raggi del Sole saranno perfettamente perpendicolari all’equatore della Terra. Finisce cosi’ una stagione segnata da nubifragi, trombe d’aria, bombe d’acqua e grandinate che – precisa la Coldiretti – si sono alternati al sereno colpendo la Penisola a macchia di leopardo con un impatto sulla stagione turistica e sull’agricoltura. Nelle campagne – continua la Coldiretti – si contano oltre mezzo miliardo di danni in agricoltura dall’inizio dell’anno per le anomalie climatiche che hanno decimato i raccolti, distrutto coltivazioni, abbattuto alberi e allagato aziende, ma anche provocato frane, smottamenti e alluvioni.

Sono gli effetti – sostiene la Coldiretti – dei cambiamenti climatici in atto che si manifestano con la piu’ elevata frequenza di eventi estremi con sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi ed intense ed il rapido passaggio dal sole al maltempo. Anche per la calda estate il 2018 si e’ classificato fino ad ora in Italia come l’anno piu’ bollente dal 1800, in cui sono iniziate le rilevazioni, con una temperatura superiore di 1,49 gradi rispetto alla media storica sulla base delle elaborazioni Coldiretti su dati Isac Cnr relativi ai primi otto mesi dell’anno. E’ evidente in Italia – sottolinea la Coldiretti – la tendenza alla tropicalizzazione con il moltiplicarsi di eventi estremi e una tendenza generale al surriscaldamento con la classifica degli anni interi piu’ caldi da oltre due secoli che si concentra nell’ultimo periodo e comprende nell’ordine – precisa la Coldiretti – anche il 2015, il 2014, il 2003, il 2016, il 2007, il 2017, il 2012, il 2001 e poi il 1994. Le anomalie sono visibili anche a livello mondiale con i primi otto mesi del 2018 che – conclude la Coldiretti – si classificano nei primi otto mesi al quarto posto tra gli anni piu’ bollenti del pianeta facendo registrare una temperatura media sulla superficie della Terra e degli oceani, addirittura superiore di 1,37 gradi rispetto alla media del ventesimo secolo, secondo la banca dati Noaa, il National Climatic Data Centre che rileva i dati dal 1880. (Italpress).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.