Cei: “No a promesse falsamente rassicuranti”

“In Consiglio Permanente la voce dei Vescovi si e’ fatta portavoce della sofferenza acuta di tanti giovani privi di lavoro o alle prese con occupazioni occasionali, prive di alcuna sicurezza. Il lavoro che manca – come il lavoro indegno – rimane una piaga che angoscia, spoglia il Paese del suo futuro, peggiora le condizioni delle famiglie e aumenta le disuguaglianze sociali”. Lo afferma la Conferenza Episcopale Italiana nel comunicato finale del Consiglio Permanente. “Nel sentirsi prossimi a quanti vivono questa drammatica situazione che umilia la dignita’ stessa delle persone, i Vescovi interpellano i responsabili della cosa pubblica, perche’ non si accontentino di mettere in fila promesse o dichiarazioni falsamente rassicuranti – prosegue la Cei -. Analogamente, la preoccupazione si e’ levata a fronte delle condizioni delle zone terremotate, dei tanti piccoli borghi del centro Italia ancora privi di punti di riferimento, fra cui quello costituito dalle loro chiese: una situazione che impoverisce l’intero territorio e accentua il processo di spopolamento”. (Italpress).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.