Immobili: Confedilizia “Per Bce crollo valore case ha ridotto consumi”

“L’andamento del valore delle case è ciò che spiega le differenze nei consumi privati fra i vari Paesi. A scriverlo, nel suo ultimo Bollettino, è la Banca centrale europea, dopo aver segnalato l’anomalo calo dei valori immobiliari in Italia rispetto al resto del continente e il conseguente andamento negativo dei consumi. Alla buonora! Confedilizia lo sostiene da anni: sulla base del buon senso, dell’esperienza e di teorie economiche che in troppi ancora ignorano, ma che da noi sono state a più riprese sostenute dagli attuali ministri Tria e Savona”. Cosi’ Giorgio Spaziani Testa, presidente della Confedilizia. “In Italia il risparmio immobiliare è stato mortificato da una tassazione patrimoniale (Imu-Tasi) che dal 2012 è costata ai proprietari oltre 150 miliardi di euro. E questo – a causa di quello che in economia viene definito ‘effetto ricchezza’ – ha determinato una contrazione dei consumi, che si è aggiunta alle altre conseguenze negative portate all’intera economia, per imprese, lavoratori e professionisti. In queste ore si stanno ponendo le basi per la manovra autunnale: se si vuole favorire la crescita e stimolare i consumi, mettere in cantiere un segnale per l’immobiliare è indispensabile”, conclude. (Italpress).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.