Welfare: Uil “Riportare quello aziendale alla sua originaria missione”

“È necessario riportare il welfare aziendale alla sua originaria missione: favorire la tutela sociale delle lavoratrici e dei lavoratori. Serve, di conseguenza, una governance attenta del fenomeno al fine di contrastare l’attuale proliferare di benefits genericamente intesi che rispondono più alle esigenze di contenimento dei costi aziendali che non a quelle delle persone occupate”. Lo ha affermato oggi a Milano la segretaria confederale della Uil Tiziana Bocchi intervenendo al convegno organizzato da Censis- Eudaimon sul welfare aziendale. “Il rapporto presentato, infatti, testimonia la sempre maggiore diffusione del welfare aziendale e, al contempo, ne segnala anche deviazioni e problematiche. In primo luogo, tale indagine ci conferma che i bisogni più sentiti dalle lavoratrici e dai lavoratori riguardano l’assistenza sanitaria e la previdenza complementare – spiega la Uil -. In secondo luogo, poi, essa ci offre anche un’altra utile informazione che e’ in linea con quanto la Uil sostiene da tempo. Posti di fronte alla scelta tra prestazioni e salario di produttività, oltre il 40% degli operai preferiscono il secondo. È evidente, dunque, che in Italia esiste un problema salariale al quale non si può dare risposta unicamente attraverso il ricorso a forme di welfare”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.