Inps: Uil “Uomo solo al comando non ha dato risultati positivi”

“La Corte dei Conti conferma quanto ripetutamente sostenuto dalla Uil in questi anni, che la concentrazione di tutti i poteri al presidente dell’Inps ‘non si è mostrata sufficiente a conferire all’Istituto migliore equilibrio’. È la conferma che un uomo solo al comando del più grande ente previdenziale europeo non ha prodotto risultati positivi”. Così Domenico Proietti, segretario confederale della Uil. “C’è una chiara responsabilità delle forze politiche che non hanno affrontato con tempestività questo problema a fronte dei ripetuti e reiterati inviti delle Parti sociali. La Uil – aggiunge – chiede a tutte le forze politiche di impegnarsi a varare nei primi mesi della nuova legislatura una riforma della governance dell’Inps, rafforzando un sistema duale con una chiara e precisa definizione dei compiti dell’organo di gestione nominato dal Governo e di quelli del comitato di indirizzo e vigilanza, dove siedono i rappresentanti delle forze sociali, che devono essere concreti ed esigibili. L’obiettivo è quello di fare dell’Inps un ente efficiente, efficace e partecipato”, conclude.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.