Paralimpiadi invernali: Russia esclusa

L’Ipc si allinea al Cio: niente Paralimpiadi invernali per la Russia a Pyeongchang. Come per i normodotati, gli atleti russi che vorranno partecipare ai Giochi Paralimpici sudcoreani dovranno dimostrare di essere puliti e potranno competere solo sotto lo status di neutrali. La Russia era stata esclusa per lo scandalo doping emerso dal rapporto McLaren già dalle paralimpiadi di Rio de Janeiro del 2016.

L’IPC, pur riconoscendo i passi avanti della Russia sul fronte antidoping, ritiene necessaria la sua esclusione in quanto non sono state soddisfatte due delle cinque condizioni poste per il suo reintegro, ovvero il ritorno della Rusada – l’agenzia nazionale antidoping – sotto l’ala della Wada e una risposta ufficiale adeguata a quanto emerso dal rapporto McLaren. Il Comitato paralimpico internazionale si attende la partecipazione a Pyeongchang di 30-35 atleti russi fra sci alpino, sci di fondo, biathlon, snowboard e curling mentre è esclusa la nazionale di para hockey non avendo comunque centrato la qualificazione. La Paralimpiade invernale comincerà il 9 marzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.