Movimento Animalista: “Convinto sostegno a Berlusconi”

“Gli iscritti e i militanti del Movimento animalista ringraziano il presidente Silvio Berlusconi per aver garantito la ricandidatura alla Camera, in ottima posizione, della presidente nazionale Michela Vittoria Brambilla e confermano il convinto sostegno alla campagna elettorale di Forza Italia, che ha accolto punti qualificanti del programma a tutela degli animali e dei loro diritti e si è impegnata a realizzarli”. Lo afferma in una nota la direzione nazionale del Movimento Animalista. “Nessun altro protagonista nel panorama politico italiano – prosegue la nota – ha avuto, come il presidente Berlusconi, il coraggio di far propri, con tale energia e chiarezza, gli obiettivi programmatici che più ci stanno a cuore. Un governo a guida Forza Italia, o nel quale Forza Italia abbia peso decisivo, chiederà nei primi cento giorni una delega per il riordino e la codificazione delle norme a tutela degli animali, modificherà il codice penale per inasprire le sanzioni a carico di chi li maltratta e li uccide, rafforzerà la tutela penale per la fauna protetta: da 2 a 6 anni di reclusione e multe salatissime per chi uccide o cattura un esemplare protetto. Altro che la guerra a lupi ed orsi dichiarata dalla sinistra! Altro che i ‘distinguo’ sulla ‘tenuità del fatto’ quando viene malmenato un cane! Ci saranno sanzioni più gravi anche per i trafficanti di cuccioli, con maggiori controlli doganali e sul web e la radiazione dall’Albo dei veterinari compiacenti. Sarà regolato l’affido degli animali in caso di separazione dei coniugi o di morte del proprietario e saranno disciplinati i lasciti testamentari a favore dei nostri amici animali. E soprattutto, quando nel nuovo Parlamento si aprirà la sessione costituente, il presidente Berlusconi si è impegnato ad introdurre nella Carta costituzionale il riconoscimento degli animali come esseri senzienti e portatori di elementari diritti e ad istituire un Garante dei diritti degli animali, che vigilerà sulla corretta applicazione della normativa nazionale e dell’Ue”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.