Tumori: diagnosi precoce con la biopsia liquida

È stata svolta a Pozzuoli, presso l’Istituto di scienze applicate e sistemi intelligenti del Consiglio nazionale delle ricerche (Isasi-Cnr) in collaborazione con il Consorzio Ceinge-biotecnologie avanzate, di cui fa parte l’Università di Napoli Federico II, una ricerca che svela una nuova e originale tecnica applicabile all’identificazione delle Ctc (Circulating Tumor Cells), cellule estranee circolanti all’interno del flusso sanguigno. Sappiamo infatti quanto una diagnosi precoce di malattie tumorali sia importante, poiché un intervento tempestivo aumenta sensibilmente le probabilità di guarigione. La ricerca, condotta da un team di giovani ricercatori e pubblicata sulla rivista Light: Science and Applications, attraverso i suoi risultati dimostra la possibilità di effettuare una cito-tomografia in flusso su campioni liquidi su tecnologia microfluidica (Lab-on-a-Chip).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.