Maltempo: Coldiretti, +80% neve e pioggia a gennaio al nord

“Tra neve e pioggia a gennaio al nord è caduta l’80% di acqua in più rispetto alla media. Ciò ha provocato danni e difficoltà ma è importante per ripristinare le riserve idriche nelle montagne e scongiurare drammatici effetti sull’agricoltura e per gli usi civili e industriali”. E’ quanto afferma la Coldiretti, citando dati Ucea relativi alla prima decade del mese che fa segnare sull’intera Penisola “precipitazioni superiori del 22% rispetto alla media storica”. “Pioggia e neve giungono dopo un 2017 che – sottolinea Coldiretti – in Italia è stato l’anno più secco di sempre, con la caduta del 31% di acqua in meno della media che ha provocato la più grave siccità da 217 anni. L’arrivo della pioggia e della neve dopo un anno particolarmente asciutto – sottolinea la Coldiretti – è importante per ripristinare le scorte idriche nei terreni, nelle montagne, negli invasi, nei laghi e nei fiumi. A preoccupare è invece – continua la Coldiretti – l’accumulo di neve sulle piante che può provocare con il peso la rottura dei rami. Siamo di fronte agli effetti dei cambiamenti climatici che si stanno manifestano con pesanti effetti sull’agricoltura italiana che negli ultimi dieci anni ha subito danni per 14 miliardi di euro”, secondo Coldiretti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.