Brunetta: «Monti pontifica e fa ancora il Messia, ridicolo»

“L’ex premier Mario Monti, ieri ospite di Floris a “diMartedì”, pontifica sulla politica italiana e sulle prossime elezioni dall’alto della sua comoda poltrona di senatore a vita (ottenuta dall’ex Commissario europeo nel 2011 da Giorgio Napolitano per dare il proprio via libera a guidare il governo tecnico più disastroso della storia dei Paesi occidentali). Monti commenta, argomenta, insulta i partiti impegnati in campagna elettorale (‘ciarlatani’), invita quasi i cittadini a disertare le urne. Un atteggiamento assurdo da parte di un ex presidente del Consiglio e da parte di un tecnico che cinque anni fa decise di fare politica fondando un partito tutto suo. Questa doppia morale di Monti è insopportabile. La scorsa campagna elettorale con lui protagonista andava bene, questa invece rappresenta ‘una grande diseducazione civica’”. Lo scrive su Facebook Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera. “A proposito di civica… caro Monti, che fine ha fatto la tua Scelta Civica che doveva salvare il Paese? Che fine hanno fatto i tuoi parlamentari? Che fine hanno fatto i tuoi ex ministri? Il governo tecnico guidato dal presidente dell’Università Bocconi – aggiunge – è stato una sventura per l’Italia, una sciagura per i cittadini italiani. Il nostro Paese è stato letteralmente svenduto all’Unione europea, e abbiamo pagato a caro prezzo – con una depressione economica senza precedenti – le scelte autolesioniste ed eccessivamente rigoriste compiute in quegli anni. Monti, nel 2013, si è presentato agli elettori ed è stato sonoramente bocciato. Che cinque anni dopo reciti ancora la parte del Messia è francamente ridicolo e patetico”, conclude.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.