Berlusconi: «Non scarichiamo su Visco colpe dei banchieri»

“Sono stato io ad indicare il nome di Ignazio Visco al Capo dello Stato come governatore, negli ultimi mesi del mio governo, non certo per vicinanza politica, ma perché mi sembrava la figura più adatta. Da quel giorno, non l’ho mai incontrato, e neppure sentito al telefono, a dimostrazione di come per noi l’autonomia di Bankitalia dalla politica sia una cosa seria”. Lo afferma Silvio Berlusconi in un’intervista al quotidiano La Stampa. Per il leader di Forza Italia quella della Banca d’Italia “è una questione molto complessa, che di solito viene affrontata in termini sbagliati. Non si possono condannare le banche per aver fatto le banche, e cioé per aver concesso dei prestiti che il persistere della crisi ha talvolta impedito a privati e aziende di restituire – sottolinea -. Da liberale sono per la responsabilità personale, di banchieri o dei manager che hanno agito in malafede, o di controllori che non hanno controllato. Ma sono contrario a una condanna complessiva del sistema bancario, come sono contrario a scaricare sulla Banca d’Italia nel suo complesso, e quindi sul suo governatore, responsabilità che appartengono a singoli. La mossa del leader del Pd mi pare improvvida e sa di ritorsione o di occupazione del potere”. Quanto alla coalizione, Berlusconi sottolinea: “Nessuna ambiguità. Ho detto tante volte che quello per cui lavoro è un centro-destra inclusivo basato sui nostri valori cristiani e liberali e nel quale trovano legittima cittadinanza e un ruolo importante le idee della destra democratica. È questa la formula con la quale abbiamo governato insieme per molti anni, ed è l’unica formula possibile per vincere le elezioni. In ogni caso rifiuto per i nostri alleati la definizione di ‘populisti e xenofobi’: se lo fossero non potremmo stare nella stessa coalizione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.